domenica 26 giugno 2011

Canzone appassiunata




N'albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore...
Na ventecata giá mme ll'ha spezzato
e tutt''e ffronne cágnano culore...
Cadute só' giá 'e frutte: e tuttuquante,
erano doce, e se só' fatte amare...
Ma 'o core dice: "Oje giuvinotto amante,
'e ccose amare, tiénele cchiù care..."
E amara comme si', te voglio bene!
Te voglio bene e tu mme faje murí...

Era comm''o canario 'nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera...
"Scétate!" - io dico - e nun vò' stá scetato...
e mo, nun canta manco a primmavera!...
Chi voglio bene nun mme fa felice:
forse sta 'ncielo destinato e scritto.
Ma i' penzo ca nu ditto antico dice:
"Nun se cummanna a 'o core". E i' mme stó' zitto!...
E mme stó' zitto, sí...te voglio bene...
Te voglio bene e tu mme faje murí..

Chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio
dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta arracquanno...
Schiòppa na bella rosa e i', pe' gulio,
a chi mm'ha fatto chiagnere nce 'a manno.
Lle dico: "Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza..."
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
"Fa' bene e scorda e si faje male penza..."
Pènzace buono sí...te voglio bene...
Te voglio bene e tu mme faje murí...


Ventecata (colpo di vento), ffronne (foglie), testa (vaso), schioppa (sboccia), scarpesarrà (calpesterà).

10 commenti:

Ale ha detto...

"Non si comanda al cuore".

quanto semplice e infinito è.
(pur non amando frasi fatte e se d'amore per giunta)

Ale ha detto...

Mi dici che ne pensi del pezzo dei Depeche Mode Little fifteen, ci penso da ieri. Tu che intepretazione ne dai?

Ale ha detto...

(commento a rate) non l'avevo ascoltata tutta la playlist, bella!

JAENADA ha detto...

Se non ti dispiace ti risponderò in contanti :)

La grandezza delle canzoni classiche napoletane (qui in una rivisitazione degli Avion Travel) secondo me non sta nel malinteso sentimentalismo a cui di solito sono abbinate, ma, nei suoi esempi più riusciti, nella straordinaria capacità di trattare malinconie e disillusioni ammantandole di poetico fatalismo. Quello stesso fatalismo che è per la città al tempo stesso risorsa e catastrofe.

"Non si comanda al cuore". Lo diceva anche il buon Freud che in fondo l'amore è una malattia. Anzi una malattia grave. Ma che per fortuna dura (relativamente) poco.

"Amore: nevrosi passeggera guaribile col matrimonio".
(Perchè il passo successivo al fatalismo, una volta spogliatolo della poesia, è il cinismo) :)

Illo tempore lessi il testo di little fifteen, perchè è una canzone che ciclicamente mi ipnotizza e scovai anche un forum dove se la raccontavano a dismisura sul suo significato, sui perchè e sui per come. Ma considerato che quello che a me ha sempre catturato di questo pezzo è la sua struttura musicale, a prescindere dal testo, decisi che me ne sarei impipato. Poichè vorrei tenere fede a questo immortale principio (l'impiparsene è una via di fuga straordinaria) mi perdonerai se glisserò sul tuo quesito. Fermo restando che mi stai simpatica tal quale (spero lo stesso di Lei) :)

Grazie. Sono sentitamente contento che ti piaccia.

Ale ha detto...

Azz... sei in post-divorzio? (domanda indiscretissima... ti dispenso dal rispondermi.)

Ho letto il testo, ne ho cercata una traduzione (che di certo sarebbe stata migliore di qualunque io potessi partorire) e ad una prima lettura ho dato un'interpretazione, alla seconda tutt'altra ma più convincente. Ma tacerò, muta come un pesce. [dicalo giuro] lo giuro!

Chiaro che tu adesso mi stai un po' meno simpatico.
:D

JAENADA ha detto...

Allora, visto l'ormai inesorabile declino delle mie quotazioni, chiariamo senza remore che l'unico che può dispensarmi dal rispondere sono io stesso. E difatti, mi dispenserò (la univocità della conclusione è solo una fortunosa coincidenza) :p

Ale ha detto...

ahahaahahah questa è una risposta autoritaria che tollero a fatica. ma sono ospite e in quanto ospite accetterò le regole del padrone di casa (uuuufffff)!

intanto, anche se non ti svelerò l'arcano, ho fatto migliori ricerche sul testo e la mia seconda interpretazione pare la più quotata. ...e come dire, mai canzone fu più azzeccata alla fine di una giornata... di questa giornata.
e quindi ti ringrazio per avermela fatta scoprire.

desaparecida ha detto...

C' è una cosa che primariamente mi cattura:
come si pronuncia "dolce" in napoletano.
E' quasi un imperativo senza appello.
Mi conquista sempre.

JAENADA ha detto...

@ ale: Come autoritario? E' solo il libero esercizio delle personali prerogative sancite anche dalla Carta dei diritti dell'uomo? :)

Prego (ammesso che tu abbia scoperto ciò che io avevo intenzione di farti scoprire) :)

Un sorriso.

@ desa: E' vero. Una dolcezza spogliata del mellifluo. Ma la cosa non mi sorprende, ti so particolarmente acuta sulle sfumature :)

Ale ha detto...

:D (allora era tutto calcolato?!?!?!) ...se non lo era ti suggerirei di non leggere il testo al post (capirai)
e grazie ancora.