venerdì 4 luglio 2008



Dal tigì di Sky. Testuale. Giornalista: "E lei, come si difende dal caldo?". Vecchietto: "Cerco de sta’ all’ombra". Sublime riassunto dell’intera epopea mediatica sulla famosa "emergenza afa", ore di telegiornale che approdano inevitabilmente al dialogo di cui sopra. Il bello è che nel frattempo si sciolgono Artide e Antartide, i ghiacciai diventano palta, la scienza cerca di trovare il bandolo di un mutamento climatico profondo e allarmante, le istituzioni mondiali indicono convegni e finanziano studi. Ma di tutto questo, che è studio della realtà, che è scienza, che è politica, a noi arriva in genere, tramite video, solo una stanca parodia urbana: il pediluvio nella fontanella, il turista che ordina una birra alla Obelix, il pensionato che suggerisce di rimanere all’ombra e il medico nutrizionista che, con aria grave, raccomanda di preferire il melone al bollito misto. Fino all’irresitibile "meglio indossare vestiti leggeri" che riecheggia ogni anno, e ogni anno puntualmente annoto per la gioia di quei lettori che amano le ricorrenze.
Ci ha appena lasciati il venerabile, umile, grande Mario Rigoni Stern. Senza disporre di troupe e palinsesti, per capire che il mondo non gode di ottima salute gli bastava fare due passi nel bosco accanto a casa. Non sono i mezzi, dunque, a fare la differenza. È lo sguardo. È la sua intelligenza delle cose.

2 commenti:

Etta ha detto...

Ma, scusa sai, hai voglia di scherzare? Io, tutti gli anni, quando arriva l'estate, prendo carta e penna e, all'ora dei telegiornali, mi piazzo davanti alla tv. Prendo appunti, sissignore. In 22 anni di vita, grazie a certi servizi giornalistici ISTRUTTIVI E SEMPRE ORIGINALI, ho imparato che, per far fronte al caldo:
- si deve bere tanta acqua
- è meglio evitare alcolici e caffè nelle ore più calde
- i soggetti a rischio sono soprattutto anziani e bambini
- non si deve uscire di casa nelle ore più calde
- si devono preferire cibi leggeri e freschi, quindi è bene abbondare con frutta e verdura
- si deve vestire leggeri

Se non ci fosse la tv, se non ci fosse la tv, io dico!! Ora sarei già morta essiccata al sole. Hai voglia di scherzare? ;)

JAENADA ha detto...

Capisco.Ora so a chi sono rivolte le "avvertenze" un pò sui generis presenti per esempio su alcune bombolette spray ("non perforare con tizzoni ardenti")o sul libretto delle istruzioni di alcuni apparecchi elettrici (inserire la spina nella presa della corrente)oppure le "domande" su alcuni questionari,per esempio quello che ti consegnano prima di entrare negli Usa ("Una volta sul suolo americano ha intenzione di compiere atti di terrorismo?).....Non scherzerò più su certi argomenti. :-)