martedì 28 aprile 2009




Il Bagaglino è morto! Viva il Bagaglino!


In barba al vecchio adagio, da oggi possiamo dire che non è più vero che solo le cose belle finiscono in fretta. Dopo solo due puntate infatti, la nuova edizione del "Bagaglino" chiude. Il suo storico regista e ideatore Pier Francesco Pingitore al Corriere Della Sera ha dichiarato: "Accettiamo il responso dell'Auditel, ma allora come si spiega che il pubblico in sala ha riso per per tutta la serata?". Già, come si spiega? Non mi sarei mai aspettato che io e Pingitore ci ponessimo gli stessi interrogativi.
Anche le notizie più esaltanti però, celano risvolti problematici. Si pone infatti adesso un rilevante dilemma. Come riuscirà il Berlusca a sistemare le 8 subrettine (pardon, "prime donne") in esubero? Eh già, perchè ormai le liste per le elezioni europeee sono praticamente ultimate (la Rossa del Grande Fratello 3 e la ex letteronza si sono ampiamente guadagnate sul campo le canditature), i posti da Ministre e sottosegretarie sono già saldamente nelle mani della vecchia guardia e l'amico Saccà non è più a Rai Fiction. Nel qual caso avrebbe sempre potuto inventarsi, per esempio, una fiction sulla tragedia del Zeppelin, il famoso dirigibile incendiatosi in volo nel 1937, laddove la parte del dirigibile sarebbe stata perfetta per il labbro superiore della Moric.
Ma sono certo che una soluzione si troverà. Le nomine in Rai sono prossime e poichè si decidono a casa Sua, confido nella sensibilità di più di un Direttore.
Tra l'altro, come si ricorderà, tempo addietro (Dicembre 2007) Berlusconi ebbe a dichiarare che "in Rai lavorano solo prostitute e raccomandati di Sinistra".
Per cui, anche alla luce delle intercettazioni tra lui e Saccà, potrete agevolmente intuire al reclutamento di quale delle due categorie si dedichi il Presidente.
Ah dimenticavo,indizio importante: Berlusconi non è di Sinistra.

(Jaenada)

4 commenti:

Cattivo Maestro ha detto...

Avevo visto uno spettacolo del bagaglino lo scorso anno in teatro. Una noia colossale. Satira non pungente, paura di urtare la suscettibilità, battute conpiacenti. Tutto finisce, ma lo spettacolo del bagaglino era finito qualche anno prima rispetto alla intempestiva decisione di Canale5.

Luciano ha detto...

Il fatto che la gente non ha più voglia di ridere può essere un fattore determinante per questo spettacolo che dovrebbe solo (appunto) far ridere.... e cosi ora anche loro piangeranno... e capiranno cosa vuol dire non avere voglia di ridere come fa sempre il Silvio...

la signora in rosso ha detto...

non è di sinistra? no davvero????Il Bagaglino non l'ho mai visto, e quel poco, per sbaglio che passavo facendo zapping, mi davano fastidio quelle battute per niente sottili o argute.. anzi grossolane e chiaramente tendenziose. Ottima colonna sonora...Guccini favoloso!

maria rosaria rossini ha detto...

senza lionello e leo gullotta, poi, il precipizio era assodato.
bacio